Le aziende che operano nel settore del fintech richiedono una maggiore vigilanza perché hanno il potenziale di distruggere il settore bancario e potrebbero minacciare la stabilità finanziaria. Lo ha detto il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann.

I player del settore utilizzano tipicamente progressi nella tecnologia per fornire servizi a basso costo e di facile accesso, da trasferimenti e il commercio al crowdfunding, tutti prodotti che operano in gran parte al di fuori della normativa bancaria.

“Ottenere un quadro più chiaro delle attività commerciali del fintech è essenziale se vogliamo capire meglio se e in che modo  potrebbero costituire una minaccia per la stabilità finanziaria”, ha detto Weidmann,durante il Consiglio direttivo della Banca centrale europea.

“Il problema è rappresentato da tutte quelle operazioni di pagamento e di regolamento titoli che bypassano il sistema bancario”, ha aggiunto.

Originariamente sviluppato per la moneta virtuale bitcoin, la tecnologia blockchain utilizza una rete decentrata di computer per verificare le transazioni e questo può ridurre la necessità di intermediari.

Cercando di reagire rapidamente, la Bundesbank ha recentemente lanciato un progetto con Deutsche Boerse per sviluppare il proprio prototipo di blockchain che non comporti questi problemi.

Weidmann ha detto che i progressi nel campo della finanza digitale avevano aumentato l’accesso dei consumatori ai servizi finanziari, ma ha espresso preoccupazione per come il settore fintech si comporterebbe in una recessione economica.

Ad ogni modo, ha sottolineato che una valutazione di questi rischi è impossibile senza dati affidabili.