Sempre più valute digitali nei piani futuri delle banche. Secondo quanto scrive il Financial Times, Ubs, Deutsche Bank, Santander e Bank of New York Mellon si sono alleate per mettere a punto una nuova forma di valuta digitale, nella convinzione che possa diventare uno standard per il settore, lasciando al palo blockchain, la tecnologia su cui si basa bitcoin.

L’idea è partita da Ubs, che ha poi unito le forze con le altre tre banche, e sarà ora presentata alle banche centrali, con l’obiettivo di arrivare a una prima commercalizzazione all’inizio del 2018. Si tratta di uno degli esempi più concreti di collaborazione tra banche per ridurre i costi e migliorare l’efficienza di un’iniziativa sulle valute digitali.

“Oggi gli scambi tra banche e istituzioni sono difficili, costosi in termini economici e di tempo perso. La questione è snellire il processo e renderlo più efficiente”, ha detto Julio Faura, responsabile per innovazione, ricerca e sviluppo per Santander.