Le start up non sono solo a Londra. A Milano, nella centralissima Piazza Duomo, iFinance ha intervistato Giuseppe Nucera, fondatore di Take Off, un nuovo incubatore che vuole prevenire la mortalità delle nuove iniziative imprenditoriali.

Take off nasce dalla consapevolezza del proprio fondatore del fatto che le start up sono affette da un elevato tasso di mortalità. In Italia, ad aprile 2016, erano presenti circa 5.500 start up iscritte nel registro tenuto dalle camere di commercio, con un +6 % rispetto all’anno precedente. “Purtroppo oltre il 70% di queste, in media non sopravvive oltre il terzo anno dalla nascita”, spiega Nucera. “Take off si pone l’obiettivo, con un approccio multidisciplinare integrato, di accompagnare le start up attraverso un percorso di crescita, verso una maggiore probabilità di successo dell’iniziativa”.

Take Off, al fine di aiutare le start up nel loro percorso di crescita ha adottato come modello di business il cosidetto “work for equity” che consiste nel fornire servizi professionali ad alto valore aggiunto remunerati attraverso strumenti finanziari emessi dalle start up, che possono essere rappresentati anche dall’equity stesso della start up.

Take Off, oltre ai servizi professionali, mette a disposizione delle start up anche spazi dedicati al co-working e meeting room come punto di incontro, sia virtuale che fisico, per condividere esperienze e casi di successo.

Il prossimo 30 giugno si terrà l’ “INNOVATION DAY”, un incontro nel corso del quale sarà presentato il progetto Take Off e si aprirà il bando per la selezione di tre start up che beneficeranno a titolo gratuito dei servizi professionali di Take Off e degli spazi dedicati al co-working per la durata di un anno. All’evento saranno presenti rappresentanti delle istituzioni sia a livello locale, che regionale che nazionale.